Qual è l’OS mobile più sicuro? Android, iOS o Windows Phone?

Durante l’acquisto di uno smartphone, ignorare la sicurezza è un errore. In questo articolo confrontiamo tre grandi sistemi operativi mobile per vedere quale protegge meglio il nostro telefono. Quando avrai finito di leggerlo, non vedrai più la sicurezza nello stesso modo.

Secondo un recente sondaggio, la gente preferisce valutare aspetti come la batteria o la dimensione dello schermo. Sembra che a nessuno importi della sicurezza. Nulla di strano: la sicurezza non si vede, non può essere toccata.

È importante la sicurezza in un sistema operativo mobile?

Sì. Prova a immaginare una qualsiasi di queste situazioni, quanto possono essere stressanti e il denaro che potrebbero farti perdere:

  • Il telefono viene rubato o lo perdi per strada
  • Qualcuno entra nel tuo cellulare e ti ruba le foto
  • Un virus si intrufola nel tuo smartphone e ruba i dati di pagamento
  • Il telefono si danneggia e non hai alcuna copia di backup

Quando un sistema mobile è più sicuro di altri e tale sicurezza è facile da implementare, è poco probabile che accada uno degli incidenti appena citati.

Il risultato: risparmio di denaro e di dispiaceri.

Quali sistemi operativi confrontiamo

Oltre il 95% dei cellulari in grado di connettersi a Internet usa Android (Google), iOS (Apple) e Windows Phone (Microsoft). Abbiamo analizzato le seguenti versioni sui dispositivi classici:

Android 4.4.4 (KitKat) su Nexus 4
iOS 8 su iPhone 5S
Windows Phone 8.1 (Update 1) su Lumia 630

Sebbene Windows Phone sia ancora lontano dai numeri di iOS e Android, la sua quota di mercato è del 3,6% negli Stati Uniti e per questo motivo abbiamo deciso di includerlo nella comparativa.

Quale sistema ha meno virus o applicazioni dannose?

Il 60% dei malware attacca Android. Essendo il sistema più usato è anche il bersaglio preferito degli hacker. I virus non attaccano da Google Play, che è molto sicuro, bensì attraverso i black market (negozi pirata). Per quanto riguarda iOS e Windows Phone, non si conoscono dei virus che attaccano questi sistemi.

Virus come Android Defender, un’applicazione falsa che sequestrava i cellulari, non si sono visti su iOS e Windows Phone per una ragione molto semplice: solo Android consente l’installazione di app al di fuori di Google Play. Ecco perché per questo sistema operativo abbondano le applicazioni ingannevoli, i programmi in apparenza ufficiali o legittimi che contengono virus o spam.

Nel riquadro verde, il gioco ufficiale; nel rosso, il gioco con il virus, che chiede più permessi (Fonte: F-Secure)

iOS, invece, grazie al suo stretto controllo delle applicazioni e al fatto che preclude l’installazione all’esterno dell’App Store, rende quasi impossibile l’accesso ai virus e alle applicazioni dannose. La situazione di Windows Phone è molto simile, anche se il negozio è ancora pieno di applicazioni false che solo ora Microsoft sta eliminando.

IOS vince per il controllo della qualità e la sicurezza delle applicazioni.

Qual è più facile da recuperare in caso di perdita o furto del telefono?

Tutti e tre i sistemi hanno applicazioni antifurto: Find my iPhone (iOS), Device Manager (Android) e Find my Phone (Windows Phone). Si tratta di applicazioni che permettono di localizzare il dispositivo in remoto e inviare comandi di base, come la cancellazione dei dati o l’invio di un allarme. Solo Windows Phone invia gli ordini via SMS e attraverso i dati.

Le applicazioni antifurto per Android, iOS e Windows Phone

iOS dispone del blocco dell’attivazione, che richiede l’inserimento dei dati dell’account Apple al momento in cui si denuncia lo smarrimento del telefono. Questa caratteristica ha ridotto il tasso di furti dei dispositivi iPhone. Microsoft sta lavorando per aggiungere il blocco dell’attivazione su Windows Phone.

Android consente di bloccare il telefono con un messaggio e un numero di telefono

Android dispone già di blocco con password simile ad Apple, con la possibilità di aggiungere un numero di telefono per chi trova il dispositivo. È inoltre possibile bloccare o cancellare i dispositivi di amici (cosa che permette anche iOS). I cellulari Samsung hanno opzioni aggiuntive, ma solo su alcuni modelli.

Ma cosa succede se chi ruba il telefono vuole accedere ai tuoi dati? In questo caso, solo iOS dispone della crittografia completa delle informazioni. In Android è facoltativa e Windows Phone non la applica alla scheda di memoria. Ciò significa che solo iOS assicura la protezione dei dati in caso di furto o smarrimento.

iOS pareggia con la codifica dei dati, che è presente di default.

Qual è il più semplice da sbloccare e quale dispone di un blocco migliore?

Secondo un rapporto di Trend Micro, tra il 30 e il 60% degli utenti non usa il blocco del telefono. Molti lo vedono come un fastidio, un’operazione che fa sprecare loro secondi preziosi. Il sistema di blocco ideale dovrebbe quindi soddisfare due requisiti: essere inviolabile e facile da usare.

Android dispone di una grande varietà di sistemi di blocco: trascinamento, PIN, password, modello (o sequenza di blocco) e riconoscimento facciale. Il modello è forse il più facile da usare e da ricordare, ed è molto forte. IOS, invece, offre protezione con PIN, password e Touch ID, il riconoscimento delle impronte digitali. Windows Phone dispone solo del trascinamento e della password.

Il Touch ID di Apple in azione (foto di iPhoneWorld)

Secondo noi, il sistema più sicuro e comodo è il Touch ID: è quasi impossibile da violare (ci vuole il dito dell’utente) e lo sblocco richiede una frazione di secondo. Segue da vicino il metodo di blocco tramite modello di Android che, sebbene sia robusto, è meno affidabile dell’impronta, soprattutto se è stato impostato un disegno debole.

Vince iOS con Touch ID, un sistema senza rivali.

Quale sistema protegge meglio i più piccoli?

Il Controllo Genitori è stato a lungo una questione in sospeso dei sistemi operativi mobile. Al giorno d’oggi, i genitori si preoccupano di quello che il loro bambino potrebbe fare con un tablet o uno smartphone, come acquistare applicazioni costose o accedere a dati e foto che non dovrebbero vedere.

Android non dispone del controllo genitori salvo in Google Play, dove è possibile attivare una password per l’acquisto. Windows Phone, invece, possiede My Family, una funzione che consente di definire che tipo di applicazioni possono essere scaricate dai bambini e il loro costo. Si limita a controllare l’installazione di applicazioni e viene configurato dal browser.

My Family (Windows Phone) permette di controllare l’acquisto e l’installazione di app

iOS 8 è il sistema con più opzioni. Dal menù Restrizioni è possibile disattivare le applicazioni del sistema (come il browser) e limitare le opzioni che possono essere modificate. Con Family Sharing si possono controllare i costi (il bambino deve chiedere il permesso di acquistare delle applicazioni). Il più spettacolare? Find My Friends, che mostra gli amici e i familiari sulla mappa.

Con Find My Friends (iOS) puoi individuare la famiglia e gli amici sulla mappa

Se dovessi scegliere un sistema per la qualità del controllo genitori, la possibilità di rintracciare la mia famiglia sulla mappa mi farebbe votare per iOS. Nella sua ottava versione, il sistema di Apple è stato progettato per facilitare la vita di chi ha una famiglia e vuole proteggere la sua sicurezza.

Vince iOS 8 per il controllo genitori e Find My Friends.

Quale protegge meglio i dati in caso di cancellazione?

Dopo un reset o un cambio di telefono, cos’è possibile ripristinare? Il sistema esegue delle copie di backup dei dati e delle applicazioni? Il backup sul cloud è un aspetto da tenere a mente quando si deve scegliere un sistema operativo.

In Windows Phone puoi attivare il backup sul cloud di applicazioni, foto e messaggi di testo. Lo spazio gratuito è di 18 GB e Windows Phone ti ricorda di eseguire backup regolari. Infine, i backup possono essere gestiti (cancellati) dallo stesso telefono.

Per il backup sul cloud, Windows Phone usa OneDrive

Android utilizza un approccio diverso. Il sistema salva di default le impostazioni e le password sul cloud. Tuttavia, le foto, i video e i documenti vengono memorizzati in luoghi separati e facoltativi, come Google Drive o Google+. Un Android senza queste applicazioni e senza un account Google non ha alcun backup sul cloud.

iOS memorizza tutti i dati su iCloud, ma lo spazio gratuito è di soli 5 gigabyte. La differenza è importante rispetto ai 18 gigabyte che Microsoft fornisce attraverso OneDrive (15 gratis e 3 attivando l’upload delle foto).

Vince Windows Phone per lo spazio e la facilità di configurazione.

Conclusione: il più sicuro di tutti è iOS

Terzo posto per Android, che ti costringe a prendere più decisioni e ha un quadro di sicurezza meno consistente, con i produttori che aggiungono le proprie applicazioni, che possono essere installate dall’esterno. Il secondo posto va a Windows Phone, molto robusto e con un eccellente backup, ma ancora incompleto.

Come abbiamo discusso nella comparativa precedente, la sicurezza non intuitiva è inutile. iOS è al primo posto perché sa coniugare sicurezza e facilità d’uso. Non richiede molte configurazioni e le funzioni Touch ID e Find My Friends lo rendono insuperabile. La versione 8 migliora ulteriormente queste caratteristiche.

In breve: se non vuoi pensare troppo alla sicurezza, scegli iOS o Windows Phone. Tuttavia, se vuoi installare le applicazioni provenienti da fonti diverse dal negozio ufficiale o se preferisci che la sicurezza sia amministrata attraverso app non ufficiali, Android è una scelta appropriata, ma più pericolosa: è il prezzo da pagare per un maggiore grado di libertà.

Quale sistema consideri più sicuro?

In fatto di sicurezza, le informazioni non sono mai di troppo. Leggi anche:

7 app per potenziare la sicurezza del tuo smartphone e tablet Android

8 pratiche app per la sicurezza del tuo Windows Phone 8.1

[Quest’articolo fa parte della nostra guida per scegliere lo smartphone che fa per te. Se ancora sei indeciso su quale scegliere tra Android, iOS e Windows Phone, leggi l’indice completo della serie e approfondisci ciò che più ti interessa]

[Adattamento di un articolo originale di Fabrizio Ferri-Benedetti su Softonic ES]

Visualizzazione commenti in corso...